Rusya’da oyun yazarı ve tiyatro yönetmeni “terörü meşrulaştırmak” suçuyla 6 yıl hapse mahkum edildi

0
La lingua originale di questa notizia era l'inglese.

La regista russa Yevgenia Berkovich e la drammaturga Svetlana Petrichuk, che hanno criticato l'invasione russa dell'Ucraina, sono state condannate a sei anni di prigione per “legittimare il terrorismo” nelle loro opere teatrali.

PUBBLICITÀ

Lunedì un tribunale di Mosca ha condannato la regista teatrale Yevgenia Berkovich e la drammaturga Svetlana Petrichuk a sei anni di carcere con l'accusa di “legittimazione del terrorismo” in uno spettacolo teatrale sulle donne russe che sposano membri dell'Isis in Siria.

Berkovich e Petrichuk erano stati detenuti per più di un anno a causa dello spettacolo “Finist the Brave Falcon”.

Oltre alla pena detentiva, ad entrambe le donne è stato anche vietato di “gestire qualsiasi sito web” per tre anni dopo il loro rilascio.

Secondo il quotidiano russo RBK, il pubblico ministero ha affermato che gli artisti, che secondo lui avevano “ideologie islamiche estremamente aggressive”, hanno creato una “percezione positiva” nei confronti dell'Isis.

Berkovich e Petrichuk, detenuti da più di un anno, hanno ripetutamente negato le accuse contro di loro.

In una delle udienze, Berkovich ha detto alla corte di aver “messo in scena lo spettacolo per prevenire il terrorismo”, mentre Petrichuk ha difeso la stessa affermazione.

Gli avvocati degli artisti hanno sottolineato che lo spettacolo è stato sostenuto dal Ministero della Cultura russo e ha vinto due premi Maschera d'Oro, il premio teatrale più prestigioso della Russia.

L'avvocato di Petrichuk ha ricordato che nel 2019 lo spettacolo è stato letto alle sue detenute in una prigione femminile in Siberia e il servizio carcerario statale russo ha elogiato lo spettacolo sul suo sito web.

L'arresto degli artisti nel maggio 2023 ha suscitato rabbia nella comunità artistica del paese.

Il quotidiano indipendente russo Novaya Gazeta ha avviato una campagna di petizioni, affermando che l'opera “trasporta sicuramente un chiaro senso di lotta al terrorismo”. La lettera del giornale a sostegno del regista e drammaturgo è stata firmata da più di 16mila persone dopo la loro detenzione.

Decine di attori, registi e giornalisti russi hanno anche firmato dichiarazioni chiedendo il rilascio di Berkovich e Petrichuk.

Rachel Denber, vicedirettrice per l'Europa e l'Asia centrale di Human Rights Watch (HRW), ha fatto riferimento alle poesie di Berkovich che criticano l'occupazione dell'Ucraina da parte della Russia.

Denber, nella sua dichiarazione sulla piattaforma dei social media

Dopo la detenzione iniziale, Amnesty International ha chiesto il rilascio immediato dei due. L'organizzazione ha affermato che i due artisti sono stati “presi di mira semplicemente perché hanno esercitato il loro diritto alla libertà di espressione”.

Immediatamente dopo che la Russia ha iniziato a invadere l’Ucraina nel febbraio 2022, il Cremlino ha iniziato a esercitare pressioni sull’opposizione come non si vedeva dai tempi del periodo sovietico.

Oltre a prendere di mira specificamente coloro che si opponevano all’aggressione della Russia contro l’Ucraina, qualsiasi critica alla guerra è stata di fatto criminalizzata.

Oltre a personaggi politici dell'opposizione e giornalisti, anche artisti come scrittori, poeti e registi hanno ricevuto varie sanzioni.

Lo scorso febbraio, il premio Nobel per la pace Oleg Orlov, settantenne co-presidente del Memorial Human Rights Center, è stato condannato a 30 mesi di prigione per aver criticato la guerra in Ucraina.

Cevap bırakın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak.

Bu web sitesi deneyiminizi geliştirmek için çerezleri kullanır. Bununla iyi olduğunuzu varsayacağız, ancak isterseniz vazgeçebilirsiniz. Kabul etmek Mesajları Oku

Antalya Haber Sunucu
meritking